• domenica 24 ottobre a causa di una rimodulazione del servizio la chiesa di Santa Maria del Giglio rimarrà chiusa e la chiesa di San Pietro di Castello aprirà alle 15.00. ci scusiamo per il disagio
  • Apertura domenicale dal 19 settembre al 14 novembre: Santa Maria del Giglio, Santa Maria dei Miracoli, Museo di Santo Stefano, Santa Maria Formosa, San Pietro di Castello, San Sebastiano e San Polo dalle 12.00 alle 17.00.
  • PARTNERSHIP a partire da lunedì 5 luglio e fino alla fine del mese di ottobre i possessori del Choruspass avranno uno sconto all'ingresso della Scuola Dalmata dei Santi Giorgio e Trifone www.scuoladalmatavenezia.com
  • PER I POSSESSORI DI CHORUSPASS a partire dal 30 aprile 2021 la Basilica dei Frari non riconosce più l'accesso ai possessori del choruspass

Le chiese >  Chiesa di San Polo
Via Crucis

Autore: Giandomenico Tiepolo
Secolo: XVIII°
DATA: 1747-49  COLLOCAZIONE: oratorio del crocifisso   TECNICA: olio su tela

La chiesa di San Polo ospita alcuni interessanti lavori di Giandomenico Tiepolo, figlio del più famoso Giambattista. 

Il ciclo venne eseguito da Giandomenico tra il 1747 e il 1749, nel periodo immediatamente precedente la partenza della famiglia per Würzburg, in Germania, dove avevano ottenuto la prima grande commissione estera e dove si sarebbero fermati tre anni per completare l'opera.

Il ciclo, un raro esempio di lavoro autonomo dell'artista, consiste di una Via Crucis di quattro tele raffiguranti episodi delle vite di santi e due tondi sul soffitto.

La  Via Crucis è opera giovanile di Giandomenico Tiepolo, che, sebbene ancora acerba, dimostra già tutti i presupposti della sua arte e le differenze da quella del padre (quest'ultima invece è completamente omologata alla pittura ordinaria, tanto da mettere in seria difficoltà la critica per le attribuzioni). 

Un'adesione alla realtà più profonda, una retorica già quasi borghese, un'indifferenza per il mistero del sacro che lo allontana  dal padre, ultimo rappresentante dell'ancient regime: queste sono le caratteristiche del linguaggio del Tiepolo.

Si consideri ad esempio l'ottava stazione, Gesù consola le pie donne, dove l'artista è chiaramente più interessato alla folla che all'episodio della passione: le figure sono vestite sontuosamente, il loro sguardo è indifferente e sembrano non partecipare alla drammaticità della vicenda.

Anche l'uso del colore è diverso da quello paterno: Giandomenico gioca su tonalità più spente, meno libere.
Chorus - Associazione per le Chiese
del Patriarcato di Venezia

San Polo, 2986 - 30125 Venezia
tel +39 041 27 50 462
fax +39 041 27 50 494
P.Iva 03034040273
REA VE-275205
info@chorusvenezia.org