• chiesa di san giacomo dall'orio visita sospesa il 22 gennaio 2020
  • 5per1000 SOSTIENI CHORUS CON IL TUO 5per1000 E SCRIVI IL NOSTRO CODICE FISCALE 94038070275 NEL PRIMO RIQUADRO (ONLUS)
  • Festività natalizie 25 dicembre e 1 gennaio VISITE SOSPESE; 24 dicembre visite dalle 10.30 alle 14.30 (Museo di Santo Stefano dalle 10.30 alle 12.00); 31 dicembre visite dalle 10.30 alle 16.00 (Museo di Santo Stefano dalle 10.30 alle 12.00); 6 gennaio visite dalle 12.30 alle 16.30

Le chiese >  Chiesa di Santa Maria del Rosario (Gesuati)
L'istituzione del Rosario

Autore: Giambattista Tiepolo
Secolo: XVIII°
DATA: 1737-39  COLLOCAZIONE: soffitto;  MISURE: 1400 x 450 cm  TECNICA: affresco

Questo affresco è uno dei tre grandi riquadri del soffitto che rappresentano gli eventi salienti della vita del fondatore dell'ordine dei Domenicani, fra cui la sua predicazione in Francia e la consegna del Rosario da parte della Vergine. Qui il Tiepolo sperimenta un nuovo uso del colore, d'ispirazione veronesiana: abbandonati i toni forti e squillanti, sceglie un tessuto cromatico lievissimo, dai colori pallidi e tenui ma al contempo irridescenti.

La scena dell'affresco centrale, caratterizzata da prospettiva fortemente scorciata, presenta, sullo sfondo di un'ampia gradinata con quindici scalini, Domenico al centro e la Vergine alla sua sinistra. La folla che si accalca a ricevere i rosari dalle mani del santo è disposta in vari gruppi: a destra del santo, orientali e guerrieri; nel basso sembrano precipitare alcune figure, fra le quali  una ha dei serpenti fra le mani e fra i capelli, mentre un'altra stringe fra le mani un sacchettino di monete; più sopra, in una postura arditissima, un alabardiere saggia il vuoto con una gamba.


Il Tiepolo ha studiato a lungo questo lavoro, di cui si conoscono tre disegni preparatori. Il primo, conservato presso lo Staatliche Museum di Berlino e distrutto durante il secondo conflitto mondiale, testimoniava un'idea iniziale piuttosto differente dalla realizzazione finale: eccessivo rilievo era dato alla Vergine e la scalinata era composto da soli cinque gradini. Pare che i religiosi committenti, non pienamente soddisfatti di questo bozzetto, ne avessero chiesto al maestro un secondo (attualmente parte di un collezione privata milanese). Qui, ridotta la figura della Vergine, compaiono San Domenico al centro ed un alabardiere sulla scalinata. Il terzo bozzetto, conservato secondo il Pedrocco in collezione privata tedesca, mostra una scena pressoché identica alla realizzazione.


Chorus - Associazione per le Chiese
del Patriarcato di Venezia

San Polo, 2986 - 30125 Venezia
tel +39 041 27 50 462
fax +39 041 27 50 494
P.Iva 03034040273
REA VE-275205
info@chorusvenezia.org